CERIMONIA DI APERTURA DEGLI SPECIAL OLYMPICS A LOS ANGELES

claudia_e_paolo michelle_obama stadio

MICHELLE OBAMA: “Tutti voi atleti dovete sapere che le persone che sono qui, ma anche i milioni e milioni di uomini e donne che sono davanti alle televisioni di tutto il mondo, non faranno solo il tifo per voi, ma impareranno che tanto possono apprendere da voi”, ha detto la first lady  durante la cerimonia di apertura. «Voi ci state riempiendo disperanza. E ci state unendo tra di noi in un modo che nessun altro può.” “Voglio che sappiate che mio marito ed io, siamo così orgogliosi di tutti voi, incredibilmente orgogliosi di ciascuno di voi. E noi tutti vi amiamo dal profondo dei nostri cuori.”

Il presidente Barack Obama, che è attualmente in viaggio in Africa, ha salutato gli atleti con un video registrato.”Dove alcuni vedono limitazioni, voi dimostrate di saper cogliere delle opportunità. Voi rappresentate il meglio dello spirito umano”, ha detto il presidente.

PER I NOSTRI ATLETI: un esperienza fantastica entrare nello Stadio di due Olimpiadi e essere accolti da un’ovazione. Sicuramente una Delegazione apprezzata per la sua simpatia e la sua sportiva eleganza.

AVRIL LAVIGNE: ha cantato il suo fantastico “Fly” accompagnando l’emozionante ingresso della torcia che ha acceso il grande tripode olimpico che sormonta lo stadio.

LE PRIME MEDAGLIE: chi ben comincia e’ gia’ a meta’ dell’opera, vincendo la medaglia d’oro nei 10.000 metri di corsa con Paolo Rinaldi ed un bronzo nei 100 dorso con Claudia Boi.

Special Olympics Italia

“10 milioni ai rifugiati, tre al sociale”. Bilancio 2015, la rabbia dei municipi: “Così chiudiamo servizi”

“Cifre insufficienti e da settembre saremo obbligati a chiudere alcuni importanti servizi di assistenza sociale per i cittadini”. L’allarme dei municipi dopo l’assestamento al bilancio 2015.

Già nel bilancio il Campidoglio aveva tagliato fondi ai servizi sociali, nonostante fossero stati richiesti in base alla spesa storica, ma ora in assestamento, ci sono 10 milioni per l’accoglienza dei rifugiati, ma per il sociale ci sono le briciole, appena 3 milioni per 15 municipi.

“Se le cifre sono quelle che leggo allora sono inadeguate e insufficienti e da settembre saremo obbligati a chiudere alcuni importanti servizi di assistenza sociale per i cittadini”. A parlare, dopo la nota del Campidoglio sull’assestamento al Bilancio 2015 approvato oggi in giunta, è Luisa Laurelli, assessore ai Servizi sociali del Municipio IX Eur. “Già dal 30 giugno sono chiusi il centro ‘Dopo di noi’ di Vitinia, che si occupa di autosufficienza dei disabili, e un centro diurno. Inoltre dal 1° settembre non avremo i soldi per riaprire i servizi di assistenza domiciliare, così come non ci saranno i soldi per il centro per anziani fragili della Fondazione Alberto Sordi, che assiste circa 100 persone”.
“Spero – prosegue Laurelli – che l’aula rettifichi quanto approvato dalla giunta e faccia in modo che i servizi siano garantiti tanto per gli immigrati quanto per i cittadini romani. Il Campidoglio, da parte sua, si rivolga al Governo affinché rifinanzi le leggi sull’assistenza sociale”.
“Una situazione – conclude – che a quanto mi risulta non riguarda solo l’Eur, ma che è spalmata su tutti i municipi di Roma”.

24 Luglio 2015 – AffariItaliani.it

Municipio IX: da settembre a rischio i servizi sociali

Tre milioni di euro. Questa è la fetta che è stata riservata nella torta del Bilancio di assestamento, ai servizi sociali. Tre milioni in tutto, da dividersi per i quindici municipi di Roma Capitale. Praticamente duecentomila euro, per ogni ente di prossimità. Un euro per ogni abitante, grossomodo, nel Municipio amministrato dal Presidente Santoro.

L’Intervista:

Già in occasione del suo insediamento, nel corso di un’intervista rilasciataci in esclusiva, l’Assessore alle politiche sociali Luisa Laurelli aveva ammesso che con le risorse destinate ai municipi, si faceva fatica ad amministrare il territorio. “Un tempo,  se l’amministrazione aveva una coperta corta, poteva provare a tirarla tutta da un lato, investire tutto un settore. Ormai però, sono stati fatti dei tagli lineari , e non si ha neppure questa possibilità” aveva ricordato Laurelli, osservando poi come ” I municipi non hanno alcun potere sul bilancio: lo esaminano, danno il loro parere e fanno delle proposte per gestire al meglio i loro servizi”. Con quali risultati, è presto detto. “Le richieste fatte ad inizio d’anno, per il settore educativo e per i servizi sociali – quelli su cui ha la delega Laurelli  – non sono state accolte. Nessuna richiesta di aumento di fondi fatta dal Municipio è stata accettata ed anzi, in alcuni casi, abbiamo ricevuto dei tagli”.

Se il quadro era dunque già complicato, ora diventa quasi ingestibile. Ed è lo stesso Assessore Laurelli a lanciare un grido d’allarme, auspicando “una rettifica dell’Assemblea Capitolina, in modo da garantire i servizi agli immigrati ed ai cittadini romani”.

24 Luglio 2015 – Fabio Grilli – Roma Today

 

PROGETTO EXPO 2015 “TERRITORI CAPACI DI FUTURO: Cibo, Turismo e Cultura in Provincia di Rieti

 

INVITO_ISTITUZIONALE

 

Il progetto “Territori capaci di futuro” fa arrivare EXPO’ nei territori reatini.

L’intento è quello di rompere i soliti isolamenti poco fecondi che caratterizzano le realtà minori, sostituendovi “reti intelligenti e collaborative all’interno di una visione unitaria del futuro della provincia”. Reti capaci di integrare con efficacia “le tante cose che il cibo implica”.

Il progetto prevede 14 eventi nell’arco dei 6 mesi di EXPO 2015.

Sei eventi avranno luogo nella prima domenica del mese presso il Mercato Agricolo di Frasso Sabino, di gran lunga il più importante mercato del Lazio: vi convergono ogni mese centinaia di espositori e produttori, e almeno quindicimila visitatori alla ricerca di di ogni genere di prodotti, prevalentemente quelli locali della provincia.

Gli altri 8 eventi riguarderanno ciascuno soprattutto un tipo di prodotto di eccellenza. Le carni, i salumi e i vini locali a Roccasinibalda il 24 maggio, i formaggi a Varco Sabino il 21 giugno, il pesce d’acqua dolce a Petrella Salto il 19 luglio, la lenticchia di Rascino a Fiamignano il 23 agosto, la birra artigianale a Borgorose il 29 agosto, la trota reatina a Rivodutri il 27 settembre, il fagiolo a pisello a Colle di Tora il 25 ottobre, le castagne e i tartufi a Pescorocchiano il 31 ottobre.