Non chiamateli più consultori

consultori1
NON-CHIAMATELI-PIU'-CONSULTORI-2
La situazione che si è creata nei consultori è particolarmente allarmante e non si può aspettare settembre per richiamare l’attenzione di tutte le persone che in questi anni e a vario titolo si sono occupate di questi  servizi, fondamentali per le donne e per le nuove generazioni.
Nonostante gli impegno presi dalla Regione Lazio, si è aggravata una situazione che non vede alcun miglioramento nella gestione dei consultori.
Prendiamone tutti coscienza e diffondiamo.

Prima casa per madri detenute

poste

Aperta dal Ministro di giustizia Orlando la prima casa protetta per madri detenute con bambini in via Algeria a Roma, dentro una bellissima villa confiscata a mafiosi. Finalmente anche a Roma i bimbi potranno crescere con le loro madri detenute fuori dal carcere. Si realizza, così, dopo anni il sogno di Leda Colombini che al progetto della casa a custodia attenuata ha dedicato buona parte della sua vita.

Roma, inaugurata la Casa di Leda, la prima in Italia a ospitare le mamme detenute e i loro bambini

Le ville della discordia. Quando venne annunciato che quelle due costruzioni di via Kenya, all’Eur, sequestrate alla criminalità, erano state destinate ad accogliere le madre detenute con figli, si levò un coro di terrificanti j’accuse. E ieri in pompa magna, alla presenza della sindaca Virginia Raggi e del ministro della Giustizia Andrea Orlando, nonostante le proteste che nei mesi erano continuate, si è tenuta l’inaugurazione ufficiale. “Le mamme hanno passato la giornata a preparare un rinfresco, venite, venite”, dice la coordinatrice a presentazione terminata: e infatti ecco là, su un tavolo in giardino, dolci a cucchiaio, torte salate, tanta frutta e molto thè freddo, con loro, le mamme, che si affaccendano tutt’intorno. Le donne ospitate sono per ora quattro e quattro i loro bambini, tutti da mesi a quattro anni.

RomaToday, Leggi tutto